Sismabonus, un aggiornamento (colloquio con Alessandro Grazzini)

I recenti provvedimenti governativi hanno aggiornato la possibilità di usufruire degli aiuti di Stato per ridurre la vulnerabilità sismica degli edifici. Abbiamo chiesto a Alessandro Grazzini, che già aveva discusso l’argomento in https://terremotiegrandirischi.com/2020/07/02/sismabonus-qualche-spiegazione-dedicata-a-chi-abita-gli-edifici-colloquio-con-alessandro-grazzini/, di illustrarci le novità.

Alessandro, ci puoi riassumere le novità introdotte, di cui hai parlato ad esempio in https://www.ediltecnico.it/79648/sismabonus-superbonus-110-classificazione-sismica/?

Il D.L. 19/05/2020 n. 34 (c.d. Decreto Rilancio a sostegno dell’economia dopo il lockdown COVID-19) ha introdotto un superbonus di detrazione fiscale al 110% da utilizzare anche per i lavori di miglioramento sismico relativi al tradizionale Sismabonus. Il Superbonus può essere sfruttato per lavori svolti dal ‪1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, anche se ci auguriamo una proroga in quanto gli interventi di miglioramento sismico, come sappiamo, richiedono più tempo nella pianificazione e nell’esecuzione. La novità principale consiste nel fatto che la super aliquota del 110% vale sia per gli interventi di semplice consolidamento statico (cucitura delle lesioni, consolidamento delle fondazioni, rinforzo di solai solo per fare qualche esempio) sia per gli interventi di miglioramento sismico.

Il Decreto ha eliminato la necessità di dimostrare che gli interventi abbiano portato al passaggio di una o due classi di “rischio”, come richiesto dalla normativa precedente. Non è forse un passo indietro nella direzione della prevenzione?

Col Superbonus tutti gli interventi strutturali sono premiati indifferentemente con l’aliquota di detrazione del 110% a prescindere dalla classe di rischio sismico che si è ottenuta a seguito dei lavori, facendo pertanto decadere la precedente differenziazione delle aliquote in base al risultato di miglioramento sismico raggiunto. Inoltre il Superbonus è stato esteso a un maggior ventaglio di interventi strutturali, anche solo locali, che sebbene utili ai fini statici non permettono di valutare e perseguire un aumento della sicurezza sismica.
Faccio un esempio: se inserisco delle catene solo in un piano di un edificio alto 4 piani, il tecnico può dimostrare che la situazione statica del fabbricato sia migliorata: magari le catene servono per contrastare la spinta di alcune volte; tuttavia averle inserite solo ad un piano potrà al massimo aver bloccato uno o due cinematismi di ribaltamento sismico della singola parete interessata, ma non contrastare le altre possibilità di ribaltamento delle singole pareti o dell’insieme di pareti che costituiscono la facciata, oltre a non contribuire ad alcun aumento di resistenza dell’intero scheletro strutturale.
Pertanto il loro inserimento così limitato non sarà sufficiente a ridurre il rischio sismico neppure di una classe. Tuttavia è una spesa coperta dal Sismabonus 110%.

E come si “valuterà” dunque la riduzione della vulnerabilità sismica dell’edificio sottoposto ai lavori?

La classificazione sismica serve a sensibilizzare il cittadino sui rischi della propria abitazione, aiutarlo a capire quali sono le vulnerabilità principali e quantificare in modo intuitivo di quanto potrà migliorare la risposta sismica del proprio fabbricato. Sebbene in questo frangente non sia più obbligatoria, è auspicabile che i tecnici continuino ad utilizzarla per queste finalità. Una volta intrapreso il calcolo strutturale per la progettazione dell’intervento, in generale costa davvero poco valutare anche la classificazione sismica.
Il professionista dovrà certificare, mediante i tradizionali calcoli statici, che l’intervento di consolidamento abbia migliorato la sicurezza strutturale almeno della porzione di struttura interessata. Nel caso di intervento antisismico, varranno le consuete procedure di calcolo legate alla modellazione complessiva del fabbricato da cui ricavare il rapporto tra l’accelerazione al suolo che può sopportare la struttura e quella richiesta dalla normativa tecnica per un edificio di nuova realizzazione. Ossia uno dei due parametri contenuti nella classificazione sismica, l’indice di sicurezza descritto nella precedente intervista.
A questo punto costa poco al professionista calcolare anche il PAM (perdita annua media) e redigere la classificazione sismica, anche se non è obbligatoria, ma auspicabile per far capire meglio al committente il guadagno in termini di sicurezza.

Il Sismabonus è senz’altro uno strumento importante per cominciare ad affrontare il problema della riduzione della vulnerabilità sismica degli edifici. Con l’offerta del 110% lo Stato ha deciso di accollarsi praticamente per intero il costo dei lavori, evidentemente perché la disponibilità dei cittadini ad assumere una quota di compartecipazione ai costi era risultata scarsa.
Mi viene una domanda: il Sismabonus verrà concesso indipendentemente da una valutazione su eventuali azioni volontarie di compromissione della vulnerabilità e/o non rispetto della normativa?

Per usufruire del superbonus 110% occorrerà avere un certificato di conformità urbanistica che attesti al massimo la presenza di lievi difformità (alcuni chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate parlano di una tolleranza del 2% delle misure prescritte relative a cubatura, distacchi, altezze, superficie). In presenza di abusivismi maggiori lo Stato non riconoscerà alcuna detrazione fiscale. La ingente quantità di certificazioni richieste per accedere al superbonus e l’aumento consistente dei controlli dovrebbero rappresentare la giusta garanzia per distribuire l’incentivo fiscale solo a chi è in regola.

Lo strumento dell’incentivo fiscale lascia alla libera iniziativa dei cittadini la scelta se prendersi cura o meno della propria (e di altri) sicurezza. In aggiunta agli ovvi problemi relativi alla gestione dei condomini, non vi è anche il rischio di interventi a “macchia di leopardo” in centri abitati dove l’eventuale terremoto potrà compromettere la “agibilità” di tutto l’abitato?

Inizialmente è probabile e addirittura fisiologico attendersi una distribuzione a “macchia di leopardo”. Occorre considerare sempre da che punto iniziale partiamo: un patrimonio edilizio esistente molto variegato caratterizzato da scarsa manutenzione e un’alta vulnerabilità sismica. E’ impossibile che tutti i proprietari partano nello stesso momento ad eseguire lavori di miglioramento sismico. Inizierà qualcuno, elevando il grado di sicurezza del proprio fabbricato. Ma resterà un gap rispetto alla vulnerabilità del vicino di casa che non ha ancora eseguito alcun intervento.
Questa rappresenta sicuramente una fase intermedia di potenziale rischio collettivo in caso di forte scossa di terremoto, in quanto come sappiamo gli edifici migliorati potrebbero comunque risultare inagibili per i collassi di quelli adiacenti non consolidati. Ma trattandosi di un processo a medio-lungo termine di progressiva sensibilizzazione del rischio e agevolazione fiscale per intraprendere in autonomia i necessari interventi di mitigazione sismica, resta auspicabile che col giusto tempo questo gap tenda a ridursi, al fine di avere aggregati edilizi o paesi quasi interamente resilienti.

Per finire: i benefici si applicano nelle zone sismiche 1, 2 e 3, secondo la classificazione attuale di competenza di ciascuna Regione. Posto che sembra ragionevole procedere secondo priorità, andrebbe comunque ricordato che la vulnerabilità sismica degli edifici, che è l’oggetto degli interventi, può essere molto elevata anche in zona 4, proprio perché in gran parte della zona non è mai stata applicata nessuna normativa sismica, oppure lo è stato con varie limitazioni. Sarebbe bene, insomma, che non passasse il messaggio che gli edifici in zona 4 sono “sicuri”, e che scuotimenti forti posso verificarsi anche lì, sia pure con probabilità molto bassa; concordi?

Sono perfettamente d’accordo con te. Hai usato il termine giusto: si parla di vulnerabilità, che deriva dal degrado dei materiali e dalla mancanza di manutenzione. Situazione pericolosa anche solo a livello statico, indipendentemente dalla mappa sismica. Magari con detrazioni più basse, ma sarebbe utile estendere il Sismabonus anche ai fabbricati della zona 4.


Early Warning: facciamo il punto (Colloquio con Marco Olivieri)

Periodicamente i media riportano notizie che riguardano il cosiddetto “Early Warning”, proponendolo come un sistema di allarme sismico (per inciso, il termine viene usato in una casistica estesa, non solamente sismica, dalle frane alle inondazioni ai movimenti di borsa ecc.).
In realtà l’Early Warning “sismico” non rappresenta un allarme pre-terremoto in senso stretto, ma un “avviso” che stanno per arrivare onde sismiche potenzialmente distruttive.
Per capirci: a molti di voi sarà capitato di sentire un terremoto, e magari di riuscire a distinguere l’arrivo delle onde compressionali, dette P, dall’effetto prevalentemente sussultorio, e in seguito le onde trasversali, dette S, dall’effetto prevalentemente ondulatorio. Ecco, se ciascuno di noi fosse in grado di discernere con precisione l’arrivo delle onde P potrebbe disporre di un certo numero di secondi per prepararsi all’arrivo delle onde S.
L’Early Warning rappresenta un perfezionamento tecnologico di questo principio semplice e geniale: in sostanza è il terremoto stesso che, una volta avvenuto, “avvisa” – mediante le onde P, le più veloci – che stanno per arrivare le onde S e quelle superficiali, più lente ma distruttive.
Più sotto riportiamo alcuni riferimenti ad articoli “divulgativi” italiani; uno di questi è addirittura firmato dall’attuale Ministro per la Ricerca, Gaetano Manfredi.
Per cercare di fare chiarezza ne discutiamo con Marco Olivieri, ricercatore all’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, competente su queste tematiche. 

Ci spieghi in modo più preciso su che principio si basa l’Early Warning sismico?

Un sistema di Early Warning si basa su 2 ipotesi:

  • bastano i tempi di arrivo delle onde P registrate a poche stazioni intorno all’epicentro per localizzare accuratamente il terremoto.
  • bastano pochi secondi di forma d’onda P per determinare la magnitudo. 

La seconda ipotesi è quella più complessa, presume che già nei primi istanti di propagazione della rottura sulla faglia sia contenuta l’informazione sulla completa rottura della faglia che può non essere ancora completata.
Se il territorio è monitorato da una densa rete di stazioni sismiche possiamo avere una stima dei parametri di sorgente entro pochi secondi, meno di 10. In 10 secondi le onde S hanno viaggiato per circa 40 km.
Stimati questi parametri di sorgente (localizzazione, profondità e magnitudo), un sistema di Early Warning è in grado di predire lo scuotimento atteso (in termini di intensità o accelerazione) nell’area non ancora investita dalle onde S e fornire questo dato, con una realistica barra di errore o con una probabilità associata, alla popolazione o a chi può e deve prendere decisioni e agire (o non agire).
Vista la descrizione appena fatta, la traduzione che in italiano rende meglio l’idea di cosa sia un Early Warning è “avviso in anticipo”, cioè che arriva prima delle onde distruttive.

Continua a leggere

Sismabonus: qualche spiegazione dedicata a chi abita gli edifici (colloquio con Alessandro Grazzini)

I problemi legati alla pandemia Covid-19 hanno messo in secondo piano quelli legati alla sicurezza sismica. Tuttavia, in modo apparentemente sorprendente il Governo ha deciso di sostenere l’iniziativa del Sismabonus aumentando addirittura al 110% il valore del contributo dello Stato sotto forma di credito di imposta, abbassando il periodo di recupero del credito e agevolando la possibilità di cederlo a banche o imprese che possono farsi promotori delle ristrutturazioni.
L’iniziativa del Sismabonus nacque quando un Governo – come vedremo – cercò di rendere operativo il concetto secondo il quale è meglio spendere soldi per ridurre i danni piuttosto che per ripararli; ma, e questa fu la novità, introdusse il concetto che il problema non riguarda solo lo Stato, ossia la collettività, ma anche – almeno in parte – i proprietari. Da questo concetto, semplificando, proviene il Sismabonus.
La comunicazione al pubblico su questo argomento non è mai stata molto dettagliata. Vi sono molti articoli tecnici che ne parlano, ma è difficile trovare materiale che spieghi in modo chiaro i vantaggi. Spesso i proprietari di casa si affidano agli ingegneri in un modo simile a come un malato si affida al chirurgo che gli consiglia la soluzione migliore, che poi la praticherà nei fatti. Ora, un paziente non deve certo studiare medicina per capire ma è giusto che richieda qualche spiegazione e qualche alternativa. Questo dovrebbe avvenire anche nel caso del Sismabonus.

Ne parliamo oggi con Alessandro Grazzini, assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Ingegneria Strutturale Edile e Geotecnica del Politecnico di Torino, esperto in consolidamento e miglioramento sismico degli edifici storici in muratura, che ha scritto diversi interventi in materia che vengono ripresi nelle sue risposte. Alla formulazione delle domande ha contribuito Carlo Fontana.
Continua a leggere

Norme tecniche per le costruzioni, modelli di pericolosità sismica e sicurezza degli edifici (colloquio con Antonio Occhiuzzi)

Anche se l’interesse maggiore di questi tempi è ovviamente per l’emergenza Covid, abbiamo ritenuto utile proporre una interessante analisi sul problema della sicurezza sismica degli edifici in relazione alle norme tecniche e ai modelli di pericolosità sismica.

Antonio Occhiuzzi, napoletano e tifoso del Napoli, è professore di Tecnica delle Costruzioni presso l’Università Parthenope. E’ laureato in ingegneria a Napoli e al MIT di Boston, ha un dottorato di ricerca in ingegneria delle strutture, materia cui si dedica da sempre.
Dal 2014 dirige l’Istituto per le Tecnologie della Costruzione (ITC), ossia la struttura del CNR che si occupa di costruzioni, con sedi a Milano, Padova, L’Aquila, Bari e Napoli.

Caro Antonio, tempo fa avevi commentato un mio post di risposta a un articolo dell’Espresso in cui veniva riproposta, come avviene periodicamente, la questione del superamento dei valori di progetto in occasione dei terremoti recenti e, di conseguenza, la presunta fallacia dei modelli di pericolosità e delle normative basate su di essi, quasi che entrambi fossero responsabili dei crolli e delle vittime. https://terremotiegrandirischi.com/2019/08/27/la-colpa-e-dei-modelli-di-pericolosita-sismica-di-massimiliano-stucchi/

Poichè in questa problematica si intrecciano aspetti sismologici e ingegneristici, ti ho invitato a approfondire la tematica. Continua a leggere

Come (e quando) nacque l’INGV… (di Massimiliano Stucchi)

Premessa. A dispetto del fatto che in questi giorni si voglia celebrare il ventesimo anniversario della nascita dell’INGV, l’INGV nacque invece il 10 gennaio 2001. Nel 1999 uscì il Decreto Legislativo 381/1999, che stabilì il percorso e le modalità di costituzione dell’INGV. Fino al 10 gennaio 2001 l’INGV non esisteva; esistevano al suo posto gli istituti che vi sarebbero confluiti, con i loro presidenti, direttori e organi di governo. Come ha commentato un ex-collega, celebrare la nascita dell’INGV nell’anniversario del suo decreto istitutivo, che aveva fissato anche l’itinerario per la nascita vera e propria, è un po’ come “anticipare la celebrazione del compleanno al giorno del concepimento” (cit.). Ma comunque.
Pensavo quindi di avere un po’ di tempo per preparare un ricordo circostanziato, magari assieme a Tullio Pepe e altri; questo anticipo mi costringe a essere un po’ approssimativo, e mi scuso con chi ha vissuto le esperienze che descrivo se non troverà la narrazione perfettamente corrispondente a come si svolsero i fatti. Comunque mi è piaciuto scriverlo: commenti benvenuti e…rimedierò nel 2021.

Correva l’anno 1999 e, come ci ha ricordato un altro ex-collega, a Erice (Trapani), alto luogo della ricerca scientifica, si tenne in luglio una sessione un po’ particolare della “School of Geophysics”, diretta da Enzo Boschi. Si riunirono infatti, in prevalenza, ricercatori italiani afferenti agli istituti di ricerca del settore geofisico, sismologico e vulcanologico (ING, CNR, Osservatorio Vesuviano, Osservatorio Geofisico Sperimentale di Trieste), oltre a docenti universitari di varie discipline afferenti alla geofisica. Era presente anche qualche docente di ambito geologico. Continua a leggere

How (and when) INGV was born (by Massimiliano Stucchi)

translated from https://terremotiegrandirischi.com/2019/09/26/come-e-quando-nacque-lingv-di-massimiliano-stucchi/ by googletranslate, revised

Premise. In spite of the fact that these days the twentieth anniversary of the birth of INGV is going to be celebrated, INGV was actually born on January 10th 2001. In 1999, Legislative Decree 381/1999 was published, which established the path and methods of establishing the INGV. Until January 10, 2001, INGV did not exist; in its place there existed the institutes that would have merged there later, with their presidents, directors and governing boards.
As one former colleague commented, celebrating the birth of INGV on the anniversary of his institutional decree, is a bit like “anticipating the birthday celebration to the day of conception ”(cit.). Anyhow.
I therefore thought I had some time to prepare a detailed account, perhaps with Tullio Pepe and others; this advance forces me to be a bit approximate, and I apologize to those who have lived through the experiences I describe if they will not find my narrative perfectly corresponding to how the events took place. However I liked writing it: comments are welcome and … I’ll fix it in 2021.
Continua a leggere

“Non è vero ciò che è vero, ma è vero ciò che si decide sia vero” (Claudio Moroni, cit.). Di Massimiliano Stucchi

Parte 1: passaggio a L’Aquila, per un altro processo.
Il giorno 9 settembre 2019 sono stato convocato, in qualità di testimone, da un avvocato difensore di alcuni cittadini che hanno avviato, credo nel lontano 2010, una causa civile contro la Presidenza del Consiglio dei Ministri (PCM) per risarcimenti – pare multimilionari – ai parenti di alcune  vittime del terremoto del 6 aprile 2009, di nuovo in relazione alla riunione di esperti del 31 marzo 2009. Il colpevole sarebbe la PCM, in quanto le attività degli esperti vennero svolte a favore del Dipartimento della Protezione Civile, che dipende dalla PCM. L’accusa, sempre la solita: avere rassicurato le vittime, inducendole a non uscire di casa prima del terremoto distruttivo. Continua a leggere

La colpa è dei modelli di pericolosità sismica? (di Massimiliano Stucchi)

Premessa. In questi giorni si discutono problemi ben più gravi e urgenti. Tuttavia l’apparizione di un articolo, su l’Espresso, che approfitta della ricorrenza del terremoto di Amatrice del 2016 per gettare discredito sul modello di pericolosità sismica corrente e sulle norme dello Stato, utilizzando fake news e argomenti inconsistenti mi ha mandato in bestia.

Ce lo si poteva aspettare. Cosa meglio di una ricorrenza di un terremoto (Amatrice, 2016) e delle sue vittime per tornare a accusare terremoti e sismologia? Dopo L’Aquila c’era stato addirittura un processo (anzi, più di uno; uno – civile – ancora in corso, al quale sono stato convocato per testimoniare in settembre, senza spiegazione alcuna, dalla parte che accusa lo Stato e chiede risarcimenti). Continua a leggere

Do seismic hazard models kill? (by Massimiliano Stucchi)

Introduction. The appearance of an article, on the weekly magazine L’Espresso (http://espresso.repubblica.it/plus/articoli/2019/08/26/news/terremoto-calcoli-sbagliati-1.338128?ref=HEF_RULLO&preview=true), which took advantage of the 2016 Amatrice earthquake anniversary to discredit the Italian seismic hazard model and the national building code, based on it, using fake news and inconsistent arguments made me angry.
What follows is a comment written for the benefit of the international readers.
The original version in Italian which can be found here (https://terremotiegrandirischi.com/2019/08/27/la-colpa-e-dei-modelli-di-pericolosita-sismica-di-massimiliano-stucchi/), which can easily be translated by means of the improved https://translate.google.com/.

Continua a leggere

La vulnerabilità dimenticata (colloquio con Gianluca Valensise)

Gianluca Valensise, del Dipartimento Terremoti, INGV, Roma, è sismologo di formazione geologica, dirigente di ricerca dell’INGV, è autore di numerosi studi sulle faglie attive in Italia e in altri paesi. In particolare è il “fondatore” della banca dati delle sorgenti sismogenetiche italiane (DISS, Database of Individual Seismogenic Sources: http://diss.rm.ingv.it/diss/).  Ha dedicato oltre 30 anni della sua carriera a esplorare i rapporti tra tettonica attiva e sismicità storica, con l’obiettivo di fondere le osservazioni geologiche con l’evidenza disponibile sui grandi terremoti del passato. Di recente, con altri colleghi ha pubblicato un lavoro che propone una sorta di graduatoria di vulnerabilità dei comuni appenninici. Gli abbiamo chiesto di illustrarcelo.

Luca, tu sei un geologo del terremoto. Ti occupi di faglie attive, di sorgenti sismogenetiche, di terremoti del passato, di pericolosità sismica. Di recente ti sei avventurato, con altri colleghi, nel tema della vulnerabilità sismica del patrimonio edilizio italiano[1],[2]. Come mai questa scelta? Continua a leggere