Come (e quando) nacque l’INGV… (di Massimiliano Stucchi)

Premessa. A dispetto del fatto che in questi giorni si voglia celebrare il ventesimo anniversario della nascita dell’INGV, l’INGV nacque invece il 10 gennaio 2001. Nel 1999 uscì il Decreto Legislativo 381/1999, che stabilì il percorso e le modalità di costituzione dell’INGV. Fino al 10 gennaio 2001 l’INGV non esisteva; esistevano al suo posto gli istituti che vi sarebbero confluiti, con i loro presidenti, direttori e organi di governo. Come ha commentato un ex-collega, celebrare la nascita dell’INGV nell’anniversario del suo decreto istitutivo, che aveva fissato anche l’itinerario per la nascita vera e propria, è un po’ come “anticipare la celebrazione del compleanno al giorno del concepimento” (cit.). Ma comunque.
Pensavo quindi di avere un po’ di tempo per preparare un ricordo circostanziato, magari assieme a Tullio Pepe e altri; questo anticipo mi costringe a essere un po’ approssimativo, e mi scuso con chi ha vissuto le esperienze che descrivo se non troverà la narrazione perfettamente corrispondente a come si svolsero i fatti. Comunque mi è piaciuto scriverlo: commenti benvenuti e…rimedierò nel 2021.

Correva l’anno 1999 e, come ci ha ricordato un altro ex-collega, a Erice (Trapani), alto luogo della ricerca scientifica, si tenne in luglio una sessione un po’ particolare della “School of Geophysics”, diretta da Enzo Boschi. Si riunirono infatti, in prevalenza, ricercatori italiani afferenti agli istituti di ricerca del settore geofisico, sismologico e vulcanologico (ING, CNR, Osservatorio Vesuviano, Osservatorio Geofisico Sperimentale di Trieste), oltre a docenti universitari di varie discipline afferenti alla geofisica. Era presente anche qualche docente di ambito geologico.
Se il Decreto Legislativo 381/1999 fu l’atto del concepimento dell’INGV, la scuola di Erice ne fu la fase dei flirt, o anche qualcosa di più. Il programma vide presentazioni ad ampio spettro su ricerche in corso e problematiche aperte, pacificamente suddivise fra ricercatori di tutti gli enti senza esasperata competizione ma, anzi, in un clima di collaborazione; una novità assoluta. Fino a poco prima infatti, e per molti anni, gli istituti in questione confliggevano apertamente sia sul piano scientifico che su quello operativo, anche e soprattutto per cercare di accaparrarsi i limitati fondi pubblici disponibili.

Dal 1975 al 1981 Il Progetto Finalizzato Geodinamica (PFG) del CNR, grazie alla larghezza di vedute di Paolo Gasparini (Napoli), che ne fu il primo direttore, e di un board direttivo di alto livello, aveva fatto collaborare fattivamente sismologi e ingegneri, vulcanologi e geologi in un periodo scosso – è il caso di dirlo – da diversi terremoti importanti italiani (Friuli, 1976, Golfo di Patti, 1978; Norcia, 1979; Irpinia-Basilicata, 1980), oltre che da notevoli terremoti all’estero. ING partecipò in maniera marginale, sia a causa della miopia della dirigenza di allora, sia in virtù del fatto che l’ente era addirittura a rischio di essere commissariato, cosa che poi avvenne nel 1981.
Dall’esperienza del PFG nacque il Gruppo Nazionale per la Vulcanologia (GNV) e il Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti (GNDT: va sottolineata la finalità applicativa espressa dal titolo). Per certi versi dal PFG nacque anche la Commissione Grandi Rischi (CGR) nel 1982, su modello dell’analoga commissione francese voluta da Haroun Tazieff; Enzo Boschi venne nominato Commissario Straordinario (e in seguito direttore) dell’ING; successivamente, venne istituito il Sottosegretariato alla Protezione Civile. GNV e GNDT passarono di fatto sotto la sponsorizzazione del Dipartimento della Protezione Civile, sviluppatosi per la spinta di Giuseppe Zamberletti (il PFG viceversa emanava dal MIUR, o come allora si chiamava), accentuando il carattere applicativo delle ricerche svolte dai due gruppi. Il GNDT nel seguito subì diversi rivolgimenti istituzionali.
ING non partecipò a GNV e GNDT se non in misura minima, per una scelta di indirizzo e di ripartizione dei fondi fatta ad alto livello: e questo, al di là dei buoni rapporti individuali fra i vari ricercatori, contribuì ad alimentare la conflittualità di cui sopra.

I terremoti di Colfiorito del 1997 (avvenuti con Franco Barberi Sottosegretario alla Protezione Civile) determinarono, oltre un imponente salto di qualità nelle indagini scientifiche e nell’intervento post-terremoto, anche una maggiore attenzione da parte pubblica al problema del sottodimensionamento delle risorse e del personale dedicati allo studio di vulcani e terremoti. Oltre a qualche intervento “tampone” di situazioni pregresse (ricercatori precari), Enzo Boschi e Franco Barberi, con l’aiuto della valente direzione generale ING, cominciarono a studiare la possibilità di un riordino generale del settore (se ne era già iniziato a parlare anche qualche tempo prima, molto più sommessamente; alla fine del PFG accompagnai Franco Barberi a un incontro in materia, nello studio di Enzo Boschi all’Università di Bologna). Boschi ricordava spesso che altri settori, magari meno strategici per la vita del paese rispetto al nostro, quali ad esempio la fisica delle particelle nucleari, avevano acquisito maggior potere contrattuale, e quindi risorse, proprio perché si presentavano uniti (dopo aver magari lavato i panni sporchi in famiglia….) e parlavano con una voce sola.

Fu così che in quella scuola di Erice, dopo un paio di giornate di presentazioni scientifiche, Enzo Boschi aprì una sessione speciale con alcune parole che allora risultarono oscure ai più. Si ebbe comunque la percezione del fatto che qualcosa di grosso stava succedendo e che si stava partecipando a una riunione di cui in futuro si sarebbe potuto dire “c’ero anch’io”. Boschi diede la parola a Paolo Gasparini che illustrò in dettaglio il progetto. Seguirono discussioni in loco e poi “a casa”; qualche litigio, diverse perplessità: ad esempio, per i “non-ING” riguardo al fatto di entrare – modello Germania est/DDR – in una sorta di ING allargato; per gli “ING”, riguardo al timore di doversi accollare qualche peso morto…..
Il 29 settembre di quell’anno uscì il Decreto Legislativo 381/1999, che stabilì il perimetro del riordino, e l’itinerario di costruzione dell’INGV. Venne soppresso l’ING, che confluì nell’INGV, e vi confluirono gli altri Istituti scelti: Osservatorio Vesuviano e i tre Istituti CNR: Istituto Internazionale di Vulcanologia, Catania, Istituto di Ricerca sul Rischio Sismico, Milano e Istituto per la Geochimica dei Fluidi, Palermo. Confluirono anche GNV, GNDT e Sistema “Poseidon”. L’Osservatorio Geofisico Sperimentale di Trieste restò fuori in toto (modello “il Friuli farà da sé”…..), compresa la sezione sismologica e la rete sismologica del Friuli. Venne previsto un Comitato per la redazione dei Regolamenti che lavorò per circa un anno, attraverso numerosi incontri interni, consultazioni, ecc. Se posso portare un ricordo personale, dirò che in quella non facile sequenza di incontri vidi un Boschi al suo più alto livello di sempre, propositivo e determinato.

Il 10 gennaio 2001, con i Regolamenti approvati dall’allora MIUR, il neonato Consiglio di Amministrazione si riunì per la prima volta con il Comitato, nominò i direttori delle Sezioni previste dal Regolamento (Milano, Napoli, Catania, Palermo e tre a Roma (più l’Amministrazione Centrale: novità rispetto a ING) e dichiarò nato l’INGV. L’incarico di direzione delle sezioni fu affidato, come da Regolamento, a ricercatori INGV. L’indomani i nuovi direttori iniziarono a costruire concretamente le sezioni INGV. Le sezioni di Pisa e Bologna furono costituite qualche anno dopo; nel seguito furono costituite anche numerose sedi distaccate.

Il Decreto istitutivo aveva lasciato ai singoli ricercatori la facoltà di optare – a livello individuale e entro alcune settimane – per rimanere nei ruoli del CNR, in forza di alcune differenze di trattamento economico-giuridico che il Regolamento del Personale non aveva saputo (o forse voluto) unificare. Questa opzione fu utilizzata da alcuni ricercatori CNR, e in particolare da una consistente parte del personale di ruolo dell’ex Istituto di Ricerca sul Rischio Sismico (IRRS-CNR, Milano), che rimase nel CNR e afferì in seguito ad altri istituti. Ciò avvenne in parte per motivi di divergenze scientifica, in parte per ragioni di mancata sintonia con il futuro INGV e la relativa dirigenza, a dispetto di una pubblica “supplica” rivolta loro da Enzo Boschi in occasione di una visita di ricognizione a Milano.

Il Decreto aveva previsto anche la possibilità che INGV costituisse sezioni presso le Facoltà Universitarie che ne avessero avanzato proposta, secondo il modello dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). Alla chiusura dei termini pervennero una ventina di richieste. Alcune non furono accolte in quanto provenienti da Facoltà ubicate in città dove era già presente una sezione INGV, oppure dove una sede INGV era in preparazione, ma in questi casi al mancato accoglimento fece seguito l’invito a istituire collaborazioni sul piano locale. Altre non vennero accolte in quanto si trattava di fatto di richieste di mero finanziamento e non di condivisione di risorse, oltre che di obiettivi, impossibili da accettare in relazione alla scarsezza delle risorse disponibili.
La collaborazione con il mondo universitario – e con altri soggetti quali ad esempio alcune Regioni, la Fondazione Eucentre (Pavia), di cui INGV fu co-fondatore, e altre istituzioni –  si realizzò comunque attraverso progetti di ricerca, convenzioni, consorzi, dottorati, ecc. In aggiunta, si rafforzò attraverso il GNV e il GNDT, sostituiti in seguito dai Progetti INGV-DPC, nei quali INGV si fece carico di gestire anche i contratti di ricerca con il mondo esterno. Terminò, viceversa, una lunga fase nella quale il mondo universitario aveva sostanzialmente spadroneggiato, relegando spesso i ricercatori ING, CNR etc. al ruolo prevalente di raccoglitori di dati. Anche questa fu una intuizione di Enzo Boschi il quale, pur essendo lui stesso universitario, puntò molto sui ricercatori INGV che ne ricambiarono ampiamente la fiducia accordata loro.

Che si celebri la ricorrenza del Decreto o quella della nascita vera dell’INGV, colpisce vedere che molti dei protagonisti principali della transizione e dell’avvio dell’INGV – forse tutti – in servizio o in pensione, non sono invitati alle celebrazioni, anche se molti di essi sono tuttora dirigenti apicali impegnati in attività cruciali per la vita dell’ente. Di altri protagonisti, primo fra tutti l’infaticabile Direttore Generale Cesidio Lippa, scomparso nel 2007, viene trascurata anche la memoria. Lo stesso avviene per il promotore principale e primo presidente dell’INGV, Enzo Boschi che, viceversa, resta ben vivo nel ricordo di chi ha avuto il privilegio di accompagnarlo in questa avventura.

Ringrazio Tullio Pepe per la revisione e le precisazioni; Roberto Basili per lo spunto sui compleanni e Marco Olivieri per il ricordo di Erice 1999.

 

How (and when) INGV was born (by Massimiliano Stucchi

translated from https://terremotiegrandirischi.com/2019/09/26/come-e-quando-nacque-lingv-di-massimiliano-stucchi/ by googletranslate, revised

Premise. In spite of the fact that these days the twentieth anniversary of the birth of INGV is going to be celebrated, INGV was actually born on January 10th 2001. In 1999, Legislative Decree 381/1999 was published, which established the path and methods of establishing the INGV. Until January 10, 2001, INGV did not exist; in its place there existed the institutes that would have merged there later, with their presidents, directors and governing boards.
As one former colleague commented, celebrating the birth of INGV on the anniversary of his institutional decree, is a bit like “anticipating the birthday celebration to the day of conception ”(cit.). Anyhow.
I therefore thought I had some time to prepare a detailed account, perhaps with Tullio Pepe and others; this advance forces me to be a bit approximate, and I apologize to those who have lived through the experiences I describe if they will not find my narrative perfectly corresponding to how the events took place. However I liked writing it: comments are welcome and … I’ll fix it in 2021.
Continua a leggere

La vulnerabilità dimenticata (colloquio con Gianluca Valensise)

Gianluca Valensise, del Dipartimento Terremoti, INGV, Roma, è sismologo di formazione geologica, dirigente di ricerca dell’INGV, è autore di numerosi studi sulle faglie attive in Italia e in altri paesi. In particolare è il “fondatore” della banca dati delle sorgenti sismogenetiche italiane (DISS, Database of Individual Seismogenic Sources: http://diss.rm.ingv.it/diss/).  Ha dedicato oltre 30 anni della sua carriera a esplorare i rapporti tra tettonica attiva e sismicità storica, con l’obiettivo di fondere le osservazioni geologiche con l’evidenza disponibile sui grandi terremoti del passato. Di recente, con altri colleghi ha pubblicato un lavoro che propone una sorta di graduatoria di vulnerabilità dei comuni appenninici. Gli abbiamo chiesto di illustrarcelo.

Luca, tu sei un geologo del terremoto. Ti occupi di faglie attive, di sorgenti sismogenetiche, di terremoti del passato, di pericolosità sismica. Di recente ti sei avventurato, con altri colleghi, nel tema della vulnerabilità sismica del patrimonio edilizio italiano[1],[2]. Come mai questa scelta? Continua a leggere

The forgotten vulnerability (interview with Gianluca Valensise)


Gianluca Valensise, of the Earthquake Department of INGV, Rome, is a seismologist with a geological background, an INGV research manager, and the author of numerous studies on active faults in Italy and other countries. In particular he is the “founder” of Italy’s Database of Individual Seismogenic Sources (DISS, http://diss.rm.ingv.it/diss/). He has spent over 30 years of his career exploring the relationships between active tectonics and historical seismicity, with the goal of merging geological observations with the available evidence on the largest earthquakes of the past.
Recently, with other colleagues, he published a work that proposes a sort of vulnerability ranking of Apennines municipalities. We discuss it below.

Luca, you are an earthquake geologist. You deal with active faults, seismogenic sources, past earthquakes, seismic hazard. Recently, with other colleagues, you have ventured into the theme of seismic vulnerability of the Italian building heritage. How come this choice? Continua a leggere

Belice 1968: 50 anni dopo – Belice 1968, 50 years after (Massimiliano Stucchi)

Si ringraziano Renato Fuchs, Maurizio Ferrini e Andrea Moroni

English version below

Il terremoto – o meglio la sequenza sismica – del Belice (i parametri sismologici si possono trovare in https://emidius.mi.ingv.it/CPTI15-DBMI15/ arrivò nel gennaio del 1968, quando il “Sessantotto” non era ancora cominciato. Non si era “abituati” ai terremoti come lo siamo ai giorni nostri: sei anni prima c’era stato quello del Sannio-Irpinia e per avere un altro M6 bisognava risalire al 1930, anche se, nel frattempo, non erano mancati terremoti capaci di produrre danni.
I terremoti del Belice annunziarono in un certo senso il decennio sismico degli anni 70: 1971 Tuscania, 1972 Ancona, 1976 Friuli, 1978 Golfo di Patti, 1979 Norcia e Cascia, 1980 Irpinia e Basilicata. E il dopo-terremoto divenne simbolo di spopolamento, emigrazione, rapine di fondi pubblici, follie urbanistiche e quant’altro.

All’epoca studiavo fisica, con interessi prevalenti rivolti alla fisica cosmica. In occasione di un soggiorno a Palermo nel 1969 raccolsi le descrizioni di amici e parenti che avevano vissuto il periodo sismico. Scoprii Segesta e partecipai alla mattanza a Favignana ma non andai nel Belice. Visitai per la prima volta il Belice nel 1977, in autostop, in coda alla mia prima scuola di Geofisica di Erice, dopo aver partecipato alle celebrazioni del trentennale della strage di Portella della Ginestra. Si stava costruendo: diverse località – secondo tradizione – venivano ricostruite altrove, e le rovine di Gibellina non erano ancora state sigillate dal Cretto di Burri. 

Ci ritornai altre volte con la benemerita Scuola di Geofisica diretta da Enzo Boschi, sempre diretto alla mia preferita – e ancora viva – Poggioreale ormai “antica”.

Continua a leggere

“Ricostruire…dove, come?” Un opuscolo del 1981 – “Reconstructing … where, how?” A 1981 booklet (by M. Stucchi)

Schermata 2017-11-24 alle 17.54.55english version below

Come già ricordato, il terremoto del 1980 trovò la comunità scientifica (sismologi, geologi, ingegneri, vulcanologi) impegnata nel Progetto Finalizzato Geodinamica (PFG) del CNR che stava volgendo al termine (avviato nel 1976 il PFG aveva incontrato i terremoti del Friuli, 1976; Patti, 1978; Norcia, 1979).

Lo sforzo fu enorme. Oltre alle osservazioni strumentali coordinate dall’Osservatorio Vesuviano, che consentirono in seguito una delle prime ricostruzioni “moderne” della sorgente sismica, furono svolte indagini macrosismiche e geologiche. Continua a leggere

Ischia, Torre Annunziata, percezione del rischio e magnitudo (M. Stucchi + 8 commenti)

L’Italia si stava avviando a ricordare l’anniversario del terremoto di Amatrice (24 agosto 2016) con modalità diverse, ovviamente, quando il terremoto di Ischia ha riaperto drammaticamente il problema della cosiddetta prevenzione, di cui tanto si è parlato e si parla. La mattina del 21, giorno del terremoto, il Ministro Del Rio aveva parlato al meeting di Rimini. Del Rio è ministro di un paio di governi che non mi piacciono, ma fra i tanti è una persona che stimo. Dopo aver (purtroppo) riproposto una “perla” che deve essergli rimasta in tasca dai tempi dei terremoti del 2012 (“la zona non era conosciuta come sismica”, ignorando il lavorio fatto dalla Regione Emilia e Romagna per ritardare il più possibile l’inserimento in zona sismica della gran parte del suo territorio), ha ricordato, illustrato e difeso il “sismabonus” e le iniziative di “Casa Italia”, ricordando anche che la soluzione dei problemi non è per domani. Stimolato da qualche interlocutore si è anche spinto più in là, parlando della necessità del fascicolo di fabbricato e di eventuali demolizioni, ove necessario. Ohibò! Continua a leggere

Che cos’è la mappa di pericolosità sismica? Prima parte (di Massimiliano Stucchi)

Premessa
Fino al 2009, la mappa di pericolosità (MPS04) se la sono filata in pochi.

mps04

Era stata compilata fra il 2003 e il 2004, in meno di un anno – ovvero in un tempo brevissimo per questo tipo di elaborati – e senza finanziamenti ad hoc da un gruppetto di ricercatori coordinati da INGV, su richiesta della Commissione Grandi Rischi (CGR) per adempiere a quanto previsto dalla Ordinanza Presidenza del Consiglio dei Ministri (PCM) 3274/2003. Tuttavia era stata: Continua a leggere

23 novembre 1980: quando la “Grandi Rischi” non c’era ancora (M. Stucchi)

Massimiliano Stucchi

Il 23 novembre 1980 l’Italia Meridionale viene colpita dal terremoto più disastroso e mortifero dal 1915, terremoto di Avezzano. Le dimensioni del disastro vengono comprese solo nei giorni seguenti. I soccorsi si muovono con molto ritardo. Il presidente Pertini visita quasi subito le zone colpite e pronuncia un memorabile discorso alla TV: Continua a leggere